San Paolo Store

Un ideale per cui sono pronto a morire

Libro di   Nelson Mandela

Un ideale per cui sono pronto a morire Libro di  Nelson Mandela
€ 10,00 € 9, 50 -5%
Disponibilità immediata

Nell'ottobre del 1963, Nelson Mandela viene accusato di alto tradimento e terrorismo dalla corte di giustizia sudafricana. La sua unica colpa è quella di essersi battuto contro il disumano e terribile regime dell'apartheid che schiavizza la popolazione nera del paese. Ma nel corso del durissimo processo di Rivonia, Mandela sfida i suoi accusatori e la pena di morte con lo straordinario discorso che dà il titolo a questo libro, dichiarandosi pronto a morire pur di continuare la sua battaglia per la pace e l'uguaglianza. L'anno successivo viene condannato all'ergastolo ma la sua lotta non si interrompe: dopo ventisei anni di carcere durissimo, nel giorno della sua liberazione, davanti a una folla festante, Mandela ripeterà le stesse identiche frasi pronunciate nell'aula di tribunale. Sarà l'inizio di un nuovo viaggio che lo porterà a divenire il primo presidente democraticamente eletto della Repubblica Sudafricana. "Un ideale per cui sono pronto a morire" ci consente di rivivere la storia di quei momenti in presa diretta attraverso le parole alte e coraggiose di uno dei grandi eroi civili del nostro tempo.

Le parole più alte di un autentico eroe della pace e dell'uguaglianza.

"Ho lottato contro il dominio dei bianchi e contro il dominio dei neri. Ho coltivato l'ideale di una società democratica e libera nella quale tutti potessero vivere uniti in armonia e con pari opportunità. È un ideale per cui vivo e che spero di realizzare. Ma se necessario, è un ideale per cui sono pronto a morire." - Nelson Mandela

"Il coraggio morale di Nelson Mandela è fonte di ispirazione per tutto il mondo." - Barack Obama


Nelson Mandela


Nelson Mandela è nato il 18 luglio 1918 a Mvezo, in Sudafrica. Tornato nel suo villaggio dopo gli studi, scopre che per volere della tribù è costretto a subire un matrimonio combinato. Sceglie di rifugiarsi a Johannesburg dove completa gli studi in legge e avvia uno studio legale per i neri. Comincia così la sua lotta contro i mali dell'apartheid. Nel 1964 viene giudicato colpevole di sabotaggio e alto tradimento e condannato con i suoi compagni all'ergastolo a Robben Island. A metà degli anni Ottanta la crescente condanna internazionale dell'apartheid porta a colloqui segreti tra i governo e Mandela, e finalmente l'11 febbraio 1990 viene incondizionatamente liberato. Nel '93 riceve il Nobel per la Pace. L'anno seguente diventa presidente della Repubblica Sudafricana.

Leggi le prime pagine di Un ideale per cui sono pronto a morire:

Vai all'approfondimento Nelson Mandela

PERCORSI

S
Servizi