Il cane di Dub?ek | Francesco Bonicelli Verrina, Francesco Bonicelli Verrina | Ebook | Infinito Edizioni su Sanpaolostore.it

San Paolo Store

Il cane di Dub?ek

Ebook di   Francesco Bonicelli Verrina Francesco Bonicelli Verrina

Il cane di Dub?ek Ebook di  Francesco Bonicelli Verrina, Francesco Bonicelli Verrina
€ 1, 99

ePub € 1, 99 Disponibilità immediata

Dub?ek, di origini provinciali, con la semplicità dei suoi modi e del suo sorriso era riuscito, nel gennaio del 1968, in piena Guerra Fredda, ad arrivare alla dirigenza della segreteria del Partito comunista cecoslovacco, raccogliendo intorno a sé le istanze dei dissidenti e di chi chiedeva verità storica sui processi politici, sulle condanne a morte del regime e sull'alleanza fra l'Unione Sovietica e la Germania nazista, all'epoca della spartizione della Cecoslovacchia, della Polonia e della Romania (1939-40). La Cecoslovacchia aveva conosciuto un tetro periodo di intense e sanguinose repressioni politiche. Dub?ek liberò le arti, le lettere, gli studi dalla cappa della censura di regime e aprì i confini, portando in auge molti dei partigiani che avevano fatto la resistenza. Quando, abbandonato dall'Occidente, subì la condanna sovietica e la Cecoslovacchia fu invasa dalle armate del Patto di Varsavia e dell'Urss, il 21 agosto 1968, Dub?ek e i suoi compagni furono rapiti nottetempo, portati a Mosca e costretti a firmare una "resa". Successivamente fu espulso dal partito e messo di fatto agli arresti domiciliari, ridotto al silenzio, seguito da informatori giorno e notte, con un modesto impiego come meccanico della guardia forestale. Nel 1989 uscì dal silenzio e tornò in politica a fianco dei dissidenti della Rivoluzione di Velluto che pacificamente fece crollare il regime cecoslovacco mentre a Berlino crollava il muro. Dub?ek, fino alla sua tragica fine, avvenuta a causa di un misterioso incidente automobilistico nel 1992, fu bollato come "comunista" da politici nazionalisti che riabilitavano "vecchie glorie" del fascismo e dello stalinismo e non potevano tollerare il volto umano del suo socialismo. Dub?ek d'altro canto non volle mai rinunciare a difendere la sua Primavera e quei suoi particolari ideali comunisti che lo avevano guidato e gli erano costati la libertà e tanti sacrifici ricaduti anche sulla sua famiglia e sui suoi amici. Nei giorni in cui l'autore scrisse questo racconto, assisteva all'agonia di un cagnolino, di nome Lucky, che gli ispirò questo speciale punto di vista "canino", pietoso e più che umano, pensando a Diogene, che provocatoriamente cercava l'uomo fra le folle e pensava che l'etica canina avesse molto da insegnare agli uomini, lupi per i loro simili, che fanno paura anche ai veri lupi.

PERCORSI

L'uso di questo contenuto è regolato da licenza

eBook: istruzioni per l'uso

S
Servizi