San Paolo Store

Boccadoro e la calda estate. Genova, 1940

Libro di   Armando D'Amaro

Boccadoro e la calda estate. Genova, 1940 Libro di  Armando D'Amaro
€ 12, 90
  • Editore: Frilli
  • Collana:Tascabili. Noir
  • Pubblicazione:03/06/2020
  • Pagine:208
  • Formato:Libro in brossura
  • ISBN: 9788869434440
Temporaneamente non disponibile

EDIZIONE IN PRINT ON DEMAND con copertina senza risvolti. Genova, 9 giugno 1940: la città è attanagliata da un caldo soffocante e dal timore per l'entrata dell'Italia nel conflitto che già lacera i Paesi vicini. Il commissario Boccadoro viene incaricato di indagare sullo strano caso di una falsa banconota da cinquecento lire, lasciata in una cassetta delle elemosine nella chiesa di Santa Maria delle Vigne e spacciata da don Giorgio, sacerdote "orfano" della sua Valle d'Aosta. Le indagini portano presto a individuare chi ha realizzato il cliché - un noto falsario morto però anni prima - ma il caso si complica quando una coppia rimane vittima di un feroce agguato davanti al ristorante San Pietro, alla Foce: chi è la donna rimasta gravemente ferita? Quale piano si sta ordendo nell'ombra e quale ruolo vi giocano i biglietti falsi che continuano a saltare fuori? Mentre Mussolini dichiara guerra e i primi bombardamenti colpiscono Genova e Savona, Boccadoro combatte su due fronti: convincere sua moglie a "sfollare" con i figli a Calice Ligure e rincorrere un'ombra che sembra essere tornata dal passato. Sul finale incombe la sagoma possente del transatlantico Conte Rosso, che giunge in Porto per imbarcare... Anche in questo terzo avvincente romanzo (dopo Nero Dominante e Boccadoro e il cappotto rosso) della serie ambientata ai tempi del fascismo, l'autore ha ricostruito in maniera storicamente convincente sia una Genova in parte scomparsa, sia personaggi noti che interagiscono con quelli di invenzione, sia speranze, paure e ideologie allora imperanti. In queste pagine il dolore e la morte sono certo presenti, ma stemperati dai dolci momenti privati che l'umanissimo commissario cerca di donare a sua moglie Elena e ai figli Giulia, Irma e Umberto, a tratti veri dominatori della scena.

PERCORSI

S
Servizi