Il Mosè di Freud. Giudaismo terminabile e interminabile | Yosef Hayim Yerushalmi | Ebook | Giuntina su Sanpaolostore.it

San Paolo Store

Il Mosè di Freud. Giudaismo terminabile e interminabile

Ebook di   Yosef Hayim Yerushalmi

Il Mosè di Freud. Giudaismo terminabile e interminabile Ebook di  Yosef Hayim Yerushalmi
€ 12, 99
  • Editore: Giuntina
  • Pagine:288
  • Traduttore:Bona, Gaspare
  • Tipo protezione:Filigrana digitale
  • Anteprima:Permesso limitato.
  • ISBN: 9791255690580

ePub € 12, 99 Disponibilità immediata

Freud pubblicò L'uomo Mosè e la religione monoteistica nel 1939, lo stesso anno della sua morte. L'Europa era afflitta dal nazismo, e le teorie che il padre della psicoanalisi esprimeva in quest'ultima opera sembrarono un attacco inopportuno ed esecrabile alle radici stesse dell'ebraismo. Per Freud, il monoteismo ebraico sarebbe una derivazione del culto del dio Aton, imposto dal faraone Ikhnaton nel XIV secolo a.e.v. e abolito dopo la sua morte. Mosè, forse un sacerdote egizio, avrebbe tentato di ripristinare questa eresia trasmettendo a un popolo semitico la fede in un unico dio e guidandolo lontano dalla schiavitù e dall'Egitto. Insofferente alla rigidità della nuova religione, il popolo liberato avrebbe ucciso il suo salvatore, e l'atto delittuoso e traumatico sarebbe poi stato rimosso. Lo storico Yosef H. Yerushalmi ripercorre il rapporto che Freud intratteneva con l'ebraismo per tentare di chiarire i motivi profondi che lo spinsero a cimentarsi nella scrittura di un testo così controverso e dirompente.

PERCORSI

L'uso di questo contenuto è regolato da licenza

eBook: istruzioni per l'uso

S
Servizi