San Paolo Store

Premio Strega 2018

vota, segnala o condividi

Premio Strega 2018
Vince il Premio Strega 2018 la scrittrice italiana di origini tedesche Helena Janeczek con il libro La ragazza con la Leica edito da Guanda.

Dopo ben 15 anni il premio torna nelle mani di una donna ( l'ultima scrittrice a vincerlo fu Melania Mazzucco nel 2003).

Helena Janeczek è nata nel 1964 a Monaco di Baviera in una famiglia di ebrei tedeschi, ma ha eletto l'Italia come luogo in cui vivere e l'italiano come lingua da abitare.  Tra i suoi libri precedenti ricordiamo Le rondini di Montecassino.
La protagonista di La ragazza con la Leica è Gerda Taro, fotografa tedesca di origini ebree polacche. Gli anni sono quelli del nazismo, del fascismo e delle tensioni che sfociano nel secondo conflitto mondiale. I fermenti intellettuali e le inquietudini dell'epoca emergono vividi, come fotografie fortunosamente ritrovate. Gerda, avventurosa e carismatica pioniera del fotogiornalismo insieme al celebre fotografo ungherese Robert Capa, che fu suo compagno, decise di documentare la Guerra civile spagnola, durante la quale morì a 26 anni.  Il romanzo è basato su fonti storiche, e oltre a Taro e Capa ha per protagonisti molti altri personaggi realmente esistiti.

LO STREGA

In questa edizione 2018 sono state in gara le opere di narrativa pubblicate tra il 1° aprile 2017 e il 31 marzo 2018, votate da 400 Amici della Domenica, cui si aggiungono 200 voti espressi da studiosi, traduttori e intellettuali italiani e stranieri, i voti di 40 lettori forti e 20 voti collettivi provenienti da Biblioteche di Roma, scuole e università.
Il Premio Strega, forse tra i più prestigiosi in Italia assieme al Campiello, si è concluso il 5  luglio con la premiazione al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma.
La cinquina finalista era stata presentata il 13 giugno presso la Fondazione Bellonci e, oltre al libro vincitore, era così composta:

- Marco Balzano, Resto qui, Einaudi
L'autore, già vincitore del Premio Campiello 2015, ritrae con la sapienza di un garnde narratore la forza di una comunità  che sceglie di resistere. Resistere al ventennio fascista, resistere alla costruzione di una diga e alla trasformazione della propria terra. E che poi sceglie di restare, quando tutti scappano.
- Sandra Petrignani, La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg, Neri Pozza
Scrivere di altre autrici, ricostruendone la vita ed entrando nella loro poetica è specialità sublime della Petrignani. In questo monumentale romanzo sceglie di entrare nei panni di Natalia Ginzburg, donna "corsara" e vulnerabile, talentuosa e potente.
- Lia Levi, Questa sera è già domani, E/O Edizioni
Con questo romanzo Lia Levi si è aggiudicata il Premio Strega giovani, risultando il più votato in uan giuria di ragazzi dai 16 ai 18 anni.Il libro è ispirato alla storia del marito, nato a Genova nel 1927 da famiglia ebrea ed è l’appassionante racconto di un’infanzia sotto il fascismo.
- Carlo D'Amicis, Il gioco, Mondadori
Un romanzo che racconta le storie tragiche e ironiche di un trio di personaggi. Il "gioco" è erotico, il triangolo classico e scabroso. Ma a denudarsi, nel romanzo, saranno soprattutto le anime, rivelando tenerezza e vulnerabilità, talvolta in modo comico.

I  libri inizialmente selezionati erano 12 e vale la pena ricordare anche i sette esclusi dalla cinquina tra i quali spicca "Sangue giusto della Melandri
- Francesca Melandri, Sangue giusto, Rizzoli
- Carlo Carabba, Come un giovane uomo, Marsilio
- Silvia Ferreri, La madre di Eva, NEO Edizioni
- Elvis Malaj, Dal tuo terrazzo si vede casa mia, Racconti edizioni
- Angela Nanetti, Il figlio prediletto, Neri Pozza
- Andrea Pomella, Anni luce, ADD editore
- Yari Selvetella, Le stanze dell'addio, Bompiani